Festival giornalismo Perugia 2012: L'Aquila dimenticata, dal giornalismo e dall'Italia

Scritto da: -

A tre anni dal disastroso terremoto che ha distrutto L'Aquila, il 6 aprile 2009, la città è ancora fantasma, mentre si moltiplicano i filoni d'inchiesta

aquila-dimenticata-festival.jpgSulle rovine di noi. Parole e immagini per l’Aquila” si intitola il video fotografico di Giovanni D’Alessandro e Stefano Schirato con cui si è aperto l’incontro dedicato all’Aquila Dimenticata. Un terremoto che ha lasciato trecentonove morti e un patrimonio artistico completamente distrutto. Non sono molte le differenze tra il 2009 e oggi: la ricostruzione non è mai cominciata.

Angelo Venti, giornalista freelance, ha portato la sua testimonianza: “Ho pochissima territorialità, non mi sento abruzzese, non mi sento italiano. La prima volta che ho avuto la sensazione di essere abruzzese è stato il momento del terremoto. Sono andato a L’Aquila da abruzzese e non da reporter, per compatire e provare la sofferenza degli aquilani e ho cercato di raccontare quelle storie con la mia macchina fotografica. L’Aquila mi appartiene. E mi colpisce l’espropriazione della città: la vita, i negozi, tutto è stato espropriato, ora è una città morta“.

Preziosissima la testimonianza di Ferdinando Di Orio, Rettore dell’Università de L’Aquila, che ha oggi venticinquemila iscritti (prima del terremoto erano trentamila). Partendo dalla tenacia e dalla volontà di non cedere neanche di fronte a un evento così drammatico e così definitivo, il Rettore ha salvato almeno la cultura a L’Aquila. “Pensare che venti secondi possono distruggere una città millenaria crea delle reazioni molto forti. L’Università è stata completamente distrutta in tutte le sue sedi e se fosse stato un giorno lavorativo sarebbero morte trecento persone solo lì dentro“.

Una forma di sindrome di Stoccolma ha preso le istituzioni. I massimi esponenti della Protezione Civile mi dicevano ‘Magnifico lei deve farsene una ragione, l’Università dell’Aquila è finita’. Questi sono stati gli aiuti e l’approccio delle istituzioni; ma non hanno capito che la salvezza dell’Università dipendeva dalla città e la salvezza della città dipendeva dall’Università“.

La facoltà di Lettere e Filosofia è stato il primo edificio in assoluto ad essere ricostruito. Ma ora ma i miei studenti che cosa faranno in mezzo a questa Pompei? Ci sono continui problemi di sofferenza di vivere in questa città, che è stata sradicata completamente“.

seguite Reporters di Blogosfere anche su Twitter via @kindlerya

LINK UTILI

Festival giornalismo Perugia 2012: intervista a Bruno Vespa su L’Aquila

Aquila terremoto oggi: reportage a tre anni dal sisma

Aquila terremoto oggi: la ricostruzione inesistente

Aquila ricostruzione oggi: la città devastata dal terremoto è di tutti meno che degli aquilani

Aquila terremoto oggi, la ricostruzione fasulla: mille teatri e niente case

Aquila terremoto oggi: lasciate ogni speranza voi ch’entrate nel centro storico

L’Aquila terremoto oggi: la tenacia aquilana tra rassegnazione, resistenza e lotta

Terremoto L’Aquila, a tre anni dal disastro: “Storie d’oro e di fango” l’ebook di Valeria Gentile

Festival giornalismo Perugia 2012: aboliamo l’Ordine dei Giornalisti o no?

Festival giornalismo Perugia 2012: la rivista East racconta la Cina oggi

Festival giornalismo 2012: da Severino a Gilioli e Facci, dibattito sul web

Festival giornalismo Perugia 2012: giornalisti esiliati e rifugiati politici

Festival giornalismo Perugia 2012: donne e media in Italia

Vota l'articolo:
3.40 su 5.00 basato su 5 voti.